Archivio video

La risorsa della vulnerabilità nella leadership attraverso gli occhi di un dirigente transgender

Angela Matthes Former CEO of Baloise Life (Liechtenstein) AG La risorsa della vulnerabilità nella leadership attraverso gli occhi di un dirigente transgender La relatrice racconta della sua transizione, dell'esperienza di vulnerabilità nelle sue conversazioni e di come la vulnerabilità sia un aspetto di leadership femminile che è una risorsa importante in un mondo di volatilità, incertezza, complessità, ambiguità. La creazione di un ambiente in cui tutti possono essere autentici diventerà anche un ambiente ad alta energia.

Emozioni e malattie: genere e sesso in medicina - Antonella Santuccione Chada

Antonella Santuccione Chadha Women's Brain Project (WBP), Zürich Emozioni e malattie: genere e sesso in medicina L'intervento fornisce un excursus sul crescente interesse per lo studio delle caratteristiche sessuali e di genere in medicina e sanità. Passando da un approccio maschile-centrico caucasico, il campo si sta muovendo verso uno più inclusivo, basato sul riconoscimento che le malattie possono presentare differenze tra maschi e femmine in diversi domini: epidemiologia, manifestazioni cliniche, progressione della malattia, prognosi, risposta al trattamento e cura tra gli altri.

Bellezza e cervello dal punto di vista del corpo - Beatrice de Gelder

Il corpo umano è onnipresente nell'arte occidentale. Nel corso dei secoli, teorici e filosofi dell'arte hanno offerto varie spiegazioni per spiegare come e perché le rappresentazioni del corpo umano influenzano lo spettatore. Gli studi sulla rappresentazione del corpo e le sue espressioni emotive nel cervello sono relativamente recenti. Questo intervento mostra come i contributi degli studi sul cervello possono migliorare la comprensione della percezione del corpo umano e del suo ruolo nelle arti.

Natura vs cultura: come i genitori favoriscono la sopravvivenza - Bianca Jones Marlin

L'intervento indaga la relazione tra l'innato e l'appreso. Un organismo può sbloccare un comportamento innato al momento opportuno (istinto materno) e le informazioni apprese vengono trasmesse alle generazioni successive attraverso l'eredità epigenetica transgenerazionale paterna. Si è scoperto che un comportamento appreso dal genitore può essenzialmente diventare un comportamento innato nella prole.

Come le emozioni danno forma ai ricordi - Cristina Alberini

Le emozioni hanno un'influenza significativa sui processi cognitivi, inclusi la percezione, l'attenzione, l'apprendimento, la memoria, il ragionamento e la risoluzione dei problemi. Si vede come le emozioni regolano i processi di memoria a lungo termine e la biologia sottostante; ad esempio, ricordiamo più e meglio gli eventi della vita che si sono formati sotto forti emozioni. Le emozioni influenzano anche l'archiviazione e il recupero della memoria, nonché i successivi aggiornamenti e comportamenti.

Quando l’amore si fa amaro - Donatella Marazziti

L'amore può essere molesto. Quando l'amore c'è è fonte di grande gioia, ma a volte ci fa soffrire e può portare a comportamenti molesti come la dipendenza affettiva, la gelosia, l'incapacità di accettarne la fine con lo stalking. Dobbiamo imparare ad amare nei modi giusti.

Le emozioni sociali: l’empatia è anche una questione di genere? - Giorgia Silani

L'empatia, la capacità di comprendere e condividere i sentimenti di un'altra persona è un elemento cruciale per il successo delle interazioni sociali e del benessere. Le neuroscienze sociali hanno iniziato a far luce sui meccanismi neurali alla base delle risposte empatiche del cervello. Viene offerta una panoramica dello stato dell'arte della ricerca sul cervello sull'empatia, concentrandosi su due domande: 1) Quali sono i meccanismi comportamentali e neurali alla base delle risposte empatiche? 2) Il genere influenza la nostra capacità di entrare in empatia con le altre persone?

Emozioni e arte della mnemonica - Lina Bolzoni

Le emozioni svolgono un ruolo essenziale nella tradizione dell’arte della memoria. Si tratta di fissare nella mente un percorso ordinato di luoghi, di associare a ciascuno di essi delle immagini che permetteranno poi di restituire i ricordi che sono stati loro affidati. Le immagini devono essere imagines agentes, cioè immagini capaci di agire sulle emozioni, ad esempio sull’eros, sulla paura o sull’orrore. Si mostreranno alcuni esempi di come tutto questo funziona, dalla retorica di Quintiliano alla Commedia di Dante, alla magia di Giordano Bruno.

Perché la bellezza gratifica il cervello - Merav Ahissar

C'è una specifica regione di "bellezza" nel cervello? E se è così, cosa lo fa scattare: rapporti aurei innati o caratteristiche culturali basate sull'esperienza? La bellezza estrema (sublime) equivale a una bellezza maggiore o produce altri tipi di risposte? Discuterò questi problemi sulla base di recenti studi sul comportamento e sul cervello.

Emozioni, tra pregiudizi e paradossi: una prospettiva neuroscientifica - Michela Balconi

Le emozioni pervadono ogni aspetto della nostra esistenza. Punto di partenza imprescindibile quando si studiano le emozioni è che l’emozione è un’esperienza prima ancora che un processo, esperienza che trova nelle differenze di “genere” alcune specificità uniche; un’esperienza in cui siamo coinvolti lungo l’intero corso della nostra vita. Obiettivo è dunque comprendere l’esperienza emotiva da una prospettiva neuroscientifica, che ponga in luce il ruolo dei sistemi fisiologici implicati nell’universo variegato delle emozioni.

Uomini e donne hanno cervelli diversi? - Pamela Agazzi

Cervello maschile e femminile sono diversi? Le nozioni che abbiamo su tali differenze si basano su studi che vengono criticati per i loro limiti e difficoltà interpretative. In effetti, la complessità dell'identità di genere nasce dall'interazione tra diversi aspetti, tra cui anatomia, genetica, psicologia e comportamento.

Sono i genitori a insegnarci l’amore - Ruth Feldman

Per secoli, l'amore è stato celebrato da poeti, artisti, scrittori e musicisti e solo di recente i neuroscienziati hanno iniziato a esplorare le basi biologiche della capacità umana di amare. Qui si presenta un modello concettuale sulla neurobiologia dell'amore e se ne metteno in evidenza i tre principi: Il sistema dell'ossitocina, il cervello affiliato e la sincronia biocomportamentale. L'intervento si conclude descrivendo diversi interventi che mirano ad aiutare genitori e bambini a fornire un contesto ottimale per il fiorire dell'amore.

Un solco musicale, dove il piacere e il movimento si incontrano - Virginia Penhune

La musica è un complesso sistema di comunicazione uditiva che si trova in tutte le società umane. La maggior parte delle persone si muove spontaneamente al ritmo della musica e i musicisti bilanciano prevedibilità e sorpresa. Questi fenomeni suggeriscono una forte interazione tra i sistemi uditivo e motorio del cervello, nonché con le reti implicate nella ricompensa musicale.

Load more